L.R.22/2018 LINEE GUIDA PER L'INSEGNAMENTO DELLE LINGUE DELLE MINORANZE STORICHE: MODALITA' DI EFFETTUAZIONE DELLA SCELTA SE AVVALERSI DELL'INSEGNAMENTO DELLA LINGUA

  • Stampa

Si riporta integralmente la nota 230 del 11/01/2021 della Regione autonoma della Sardegna:

Come previsto nell’art. 5 delle Linee Guida che si allegano alla presente, e come previsto dall'articolo 17, comma 4 della LR 22/2018, si ricorda che “l’opzione per l'insegnamento del Sardo, del Catalano di Alghero, del Sassarese, del Gallurese e del Tabarchino è espressa dai genitori al momento della iscrizione e vale per il triennio della scuola dell'infanzia, per il quinquennio della scuola primaria, per il triennio della scuola secondaria di I grado e per tutto il ciclo della scuola secondaria di II grado. Essa, secondo le norme in merito, può essere modificata all'inizio di ciascun anno scolastico. Le Autonomie scolastiche verificano e aggiornano i dati ad ogni inizio di anno scolastico in modo da aver sempre sotto controllo il numero degli studenti che richiedono l’insegnamento di tali materie. In fase di prima applicazione, a causa delle restrizioni determinate dal Covid-19 e limitatamente all'anno scolastico 2020-2021, le Autonomie scolastiche interessate a usufruire dei finanziamenti regionali per l’insegnamento del sardo di cui al successivo art. 6 provvedono a far effettuare la scelta alle famiglie prima della presentazione della domanda di partecipazione all’Avviso”.